Assicurazione infortuni o Assicurazione danni

L' assicurazione infortuni o assicurazione danni, offre la garanzia fondamentale riguardante gli eventi accidentali che possono causare la morte dell' assicurato, oppure un' invalidità permanente, totale o parziale, o un'inabilità temporanea al lavoro.

L' assicurazione infortuni o danni interviene economicamente, per risarcire i danni conseguenti l'infortunio, dal quale derivi una limitazione, anche parziale e temporanea, della capacità lavorativa e quindi una perdita di reddito.

L' infortunio è un fatto dovuto a causa fortuita, perchè non dipende dalla volontà dell' assicurato, violenta, cioè repentina (non necessariamente con l'uso della forza fisica ma concentrata in un breve lasso di tempo), ed esterna, non collegabile quindi a malattie o processi morbosi dell' organismo, ma prodotta esternamente da esso.

Perchè l'evento sia indennizzabile, è necessario che le lesioni prodotte siano oggettivamente contestabili, cioè che possano trovare riscontro nell' accertamento clinico di un medico. Casi come esaurimento nervoso da choc restano quindi esclusi, poichè non possono essere accertati tramite analisi.

Questo tipo di assicurazione comprende sempre:

Da qualche anno la concorrenza ha spinto le compagnie assicuratrici ad ampliare il raggio d'azione delle polizze infortuni, estendendo la garanzia ad eventi che in passato non venivano assicurati, o lo erano soltanto dietro un pagamento di un sovrapremio.

Tra gli infortuni oggi indennizzabili in base a gran parte delle polizze vi sono per esempio quelli derivanti:

Fra le principali esclusioni normalmente previste dai contratti vi sono infortuni derivanti da:

Come detto, una polizza contro gli infortuni può coprire l'assicurato contro tutti i rischi, sia quelli legati alla sua attività professionale, sia quelle extraprofessionali.

Esistono inoltre polizze che limitanoa particolari garanzie, coprendo i soli rischi professionali, legati cioè all' attività lavorativa, o i soli rischi extraprofessionali e del tempo libero; polizze che coprono soltanto i rischi legati alla locomozione, e contratti che riguardano esclusivamente i rischi sportivi (o altrimenti limitati).

Nelle polizze professionali è frequente una clausola denominata rischio in itere, che include nella garanzia degli infortuni che possono verificarsi nel corso degli spostamenti e per i posti di lavoro.

Spesso infine le compagnie propongono polizze collettive per la famiglia, che assicurano il capofamiglia, i lconiuge, i figli di età superiore ai cinque anni e i familiari conviventi. Il costo è notevolmente inferiore a quello che si dovrebbe affrontare stipulando polizze individuali per ciascun comportamento del nucleo familiare.

Definizioni e Classificazioni del Rischio nelle Assicurazioni Ramo Danni

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI GENERALI

Art. 1

Nelle Assicurazione ramo Danni la classificazione dei rischi è la seguente:

Infortuni e malattia

Assicurazioni auto

Assicurazioni marittime e trasporti

Assicurazioni aeronautiche

Assicurazione Incendio ed altri danni ai beni

Assicurazione Responsabilità civile

Assicurazione Credito e cauzione

Assicurazione Tutela ed Assistenza

Nei rami danni l'impresa che ha ottenuto l'autorizzazione per un rischio principale, appartenente ad un ramo o ad un gruppo di rami, può garantire i rischi compresi in un altro ramo, senza necessità di un'ulteriore autorizzazione quando i medesimi rischi:

Siti Web sulle Assicurazioni infortuni o danni:

www.assicurazione.eu in nessun caso deve essere letto come sollecito al pubblico risparmio.

*liberamente tratto da: l' ABC delle Assicurazioni - Cristina Conti - Sperling & Kupfer Editori (1995).